Le mostre OFF

In sincronia con il festival la città si anima con una serie di iniziative che illustrano le varie sfaccettature della realtà fotografica padovana.
Il circuito di mostre off si svolge in tre sedi: Palazzo Angeli, Spazio Cartabianca e la sede di Confesercenti Veneto Centrale.

Andata e ritorno

Mario dal Molin
Da qualche anno, quando mi reco a Parigi, in estate ed in inverno, fotografo le persone che utilizzano il tram. Mi apposto ad una fermata ed il passaggio velocissimo del mezzo, ogni 6/7 min. in andata e ritorno, mi permette di scattare nel momento in cui il convoglio è fermo. Ho quindi circa un minuto per individuare i soggetti più interessanti, inquadrare e poi scattare. L’espressione delle persone, colte di sorpresa, risultano naturali, e spontanee. Quando realizzano di essere state fotografate il tram è già ripartito. Il mio lavoro è comunque improntato sul rispetto in quanto cerco di scegliere situazioni non offensive. Cerco di estrapolare caratteristiche umane da tutti i personaggi proposti. Dai bambini, alle suore, dai fidanzati, alla vecchina, dalla studentessa, alla famigliola. I vetri sporchi o bagnati aggiungono, in qualche scatto, una idea di mistero che mi spinge a considerare questo, un lavoro non finito, nella speranza di trovare altri ritratti che trasmettano emozioni da passeggeri di tram. Il mio è un tentativo di comunicare stati d’animo attraverso foto di persone di tutti i giorni.
Dove
Palazzo Angeli, Prato della Valle 12, Padova
Quando
dal 26 settembre al 25 ottobre 2020
Orari
Sabato e domenica
10.00 - 12.00, 15.00 - 18.00

Daily routine

Ornella Francou
Racconto breve di una casalinga ideale. La nostra amica non è certamente una “casalinga disperata” ma, una persona che, per superare nevrosi e frustrazioni si concede una giornata di relax. Le solite incombenze noiose, faticose e ripetitive vengono accantonate per un giorno. Inizia così una divertente, ironica e un pò sopra le righe, giornata particolare colorata il più possibile di allegria. Accantonata la solita tazzina di caffè presa al volo, prepara una ricca colazione da consumare in tutta calma. La sua grande passione “cucinare” può finalmente esprimersi con piatti più elaborati. Il thè con le amiche, un aperitivo e per ultimo una rilassante lettura di libri e riviste completano la giornata. Domani ritornerà all’impegno quotidiano ma, con uno spirito molto più leggero. I colori volutamente forti e l’utilizzo di bambole, servono a sottolineare una situazione forse solo sognata, forse irrealizzabile.
Dove
Palazzo Angeli, Prato della Valle 12, Padova
Quando
dal 26 settembre al 25 ottobre 2020
Orari
Sabato e domenica
10.00 - 12.00, 15.00 - 18.00

Visti da vicino

Paolo Coltro
L’idea di fondo è questa: cercare il bello, l’affascinante, il significativo anche dove non sembra. La realtà – concetto estesissimo – è fatta di mille realtà, e scoprire le altre 999 può essere entusiasmante. La natura ma anche la mano dell’uomo producono, oltre l’immediatamente visibile, aspetti notevoli, a volte piccoli capolavori involontari. Poi un’altra idea, molto presuntuosa se non fosse condita di ironia e auto-ironia: molti artisti producono opere della fantasia – la loro – che in realtà esistono già, o in natura o come frutto dell’attività umana. Cercando con la macchina fotografica non è difficile scovare analogie e similitudini con le creazioni d’arte: la differenza è che il fotografo non crea, scopre, fa emergere la creatività del mondo. Per questo spesso la «caccia» fotografica si rivolge ai particolari, a quanto sembra sfuggire e invece esiste. Molta attenzione viene rivolta alla composizione, è evidente il fascino esercitato sull’autore dalle geometrie, anche il colore è un canone espressivo forte e fondamentale. E spesso la gratificazione sta tutta in quella domanda dell’osservatore: «Che cos’è?». Allora vuol dire che il risultato è stato raggiunto.
Dove
Palazzo Angeli, Prato della Valle 12, Padova
Quando
dal 26 settembre al 25 ottobre 2020
Orari
Sabato e domenica
10.00 - 12.00, 15.00 - 18.00

Il Viaggio

Caterina Santinello
Il progetto ricostruisce la vita di Maria Bonitti, rimasta prematuramente vedova nel 1929. Il treno, che è causa della sua personale tragedia, è anche il mezzo che le consente di continuare a vivere. Ed è il filo conduttore del racconto fotografico che si snoda come un diario di viaggio attraverso paesaggi in movimento sovrapposti a foto e ricordi di famiglia – soprattutto stralci di lettere, anch’esse materiale viaggiante e veicolo del quotidiano. Una visione onirica dai toni seppiati, supporto di voci ed emozioni liberate dall’oblio.
Dove
Palazzo Angeli, Prato della Valle 12, Padova
Quando
dal 26 settembre al 25 ottobre 2020
Orari
Sabato e domenica
10.00 - 12.00, 15.00 - 18.00

Spazio Tempo - Sedici esperienze di quarantena

“Spazio/tempo – Sedici esperienze di quarantena” è un libro fotografico che raccoglie le immagini realizzate da 16 fotografi durante il periodo di quarantena, nei mesi di Marzo e Aprile 2020. Con la curatela di Emanuele Salvagno di Spazio Cartabianca, e di Sacha Catalano per UBIF, il libro Spazio/Tempo, è diventato una mostra fotografica. La sfida che gli autori si sono posti quando hanno iniziato il progetto Spazio/Tempo era quella di indagare dai loro angoli di mondo un periodo che entrerà nella storia. Non era possibile e non era nelle loro intenzioni raccontare quello che stava succedendo nei luoghi simbolo della lotta al Coronavirus, piuttosto il loro interesse si è concentrato sulle “cose da nulla” del loro quotidiano. Restando in casa, o nei luoghi prossimi a essa, si poteva raccontare in modo indiretto un evento di questa portata? Ogni autore ha trovato un modo di trasformare quello che stava vivendo in un’esperienza di sé attraverso l’uso dell’indagine visiva. La mostra, realizzata con alcune immagini del libro, cerca inedite relazioni tra le fotografie dei singoli autori mantenendo intatta l’atmosfera di sospensione generale.

Autori in mostra: Lara Bacchiega, Michael Battocchio, Marco Carmignan, Matteo Carottini, Sacha Catalano, Davide Faedo, Giulia Fassina, Valentina Gerolimetto, Alessandro Izzo, Matteo Longo, Martina Pontarolo, Jacopo Romani, Antonio Romano, Giacomo Streliotto, Marco Valle.

Dove
Spazio Cartabianca, via Giorgione 24, Albignasego PD
Quando
dal 26 settembre al 25 ottobre 2020
Orari
Da lunedì a venerdì
10.00 - 19.00

Signora Solitudine

Greta Imbrunito
Presso la sede di Confesercenti del Veneto Centrale e Cescot, quattro scatti della fotografa Greta Imbrunito raccontano la solitudine del post-pandemia. Una piccola mostra per rivelare attimi di quotidiano vissuti in Veneto nel tempo del virus. Le fotografie parlano di silenzio e prendono la distanza da volti vulnerabili e azioni resilienti, come quelle messe in atto da tutti noi per far fronte a questa situazione senza precedenti. Greta condivide il suo pensiero portando in mostra luci e ombre di oggetti spaesati e dimenticati fuori dalle case, visioni straordinarie riflesse dalla pioggia, pensieri sul mondo che raccontano di comuni incertezze e diversi modi di interpretare e ripensare il nostro futuro.
Dove
Confesercenti Veneto Centrale, via Savelli 8, Padova
Quando
dal 2 al 25 ottobre 2020
Orari
Da lunedì a venerdì
10.00 - 19.00
it_ITItalian
en_GBEnglish it_ITItalian
Copy link
Powered by Social Snap